Didattica

Il corso ha una durata di 40 ore divise in 5 lezioni della durata di 8 ore.
Si svolge nella fascia oraria compresa tra le 9,30 e le 18,30.

Overview

Il Telerilevamento di prossimità o a bassa quota (spesso indicato anche con la locuzione inglese LARS - Low Altitude Remote Sensing) è un insieme di tecniche di raccolta di dati attraverso l'uso di sensori di varia natura (ottici, chimici, ecc.) montati su vettori che operano a poche centinaia di metri di quota. Di norma il telerilevamento di prossimità viene utilizzato in tutti quei casi in cui non è possibile o conveniente utilizzare le piattaforme tradizionali per raccogliere dati da altezze elevate: è il caso ad esempio di riprese da effettuare nella stagione umida, quando la copertura nuvolosa ostacola le riprese da satellite, o quando sia richiesta un’elevata risoluzione al suolo su aree molto piccole.
Le immagini acquisite da sensori di prossimità quali gli APR (Aeromobili a Pilotaggio Remoto) rappresentano lo strumento tecnologicamente più innovativo per l'analisi e il monitoraggio del territorio. La diffusione di nuovi sensori e velivoli, unita alla periodicità illimitata nell'acquisizione, rende oggi la reperibilità dei loro dati, in termini monetari, facilmente accessibile. Da quanto descritto emerge la considerazione di come il proximal sensing (telerilevamento di prossimità) sia diventato uno strumento importante anche per la creazione e l'aggiornamento di banche dati territoriali.

Obiettivi formativi

Al termine del corso i partecipanti avranno acquisito i principali fondamenti teorici e la metodologia di base per il trattamento delle immagini da piattaforme aviotrasportate (APR) e satellitari; saranno inoltre in grado di estrarre informazioni territoriali attraverso tecniche di analisi pixel-based e di analizzare fenomeni ambientali/agricoli/urbanistici attraverso la classificazione delle immagini e il calcolo di immagini derivate (es. indici di vegetazione).

Destinatari

Il corso si rivolge a tutti coloro che si avvicinano alle tematiche riguardanti il territorio per la prima volta e ai professionisti in genere che hanno intenzione di ampliare le proprie conoscenze in fatto di gestione ed analisi di immagini telerilevate provenienti sia da vettori di prossimità (APR) che da sensori remoti (satelliti).

Prerequisiti

Per seguire con profitto il corso è richiesto:

  • buon uso del PC
  • conoscenza basilare della lingua inglese tecnica

Programma

Introduzione al Telerilevamento

  • Cos'è il Telerilevamento
  • Sensori Attivi e Passivi
  • Risoluzione geometrica, spettrale e temporale
  • Elaborazioni di immagini e interpretazioni

Sistemi di riferimento e loro trasformazioni
  • Superfici di riferimento (geoide, ellissoide, concetto di Datum)
  • Richiami di cartografia
  • Trasformazioni di datum

Immagini satellitari e sistemi APR
  • Tipologie e applicazioni delle immagini satellitari e da APR
  • Individuazione del sensore funzionale alla tipologia di rilievo
  • Individuazione del sistema APR funzionale alla tipologia di rilievo
  • Differenze tra dati satellitari e aviotrasportati
  • Vantaggi e svantaggi

Immagini e foto
  • Impostazione di un progetto e del piano di volo
  • Importare le immagini
  • Lavorare le immagini e creazione di un flusso di lavoro
  • Ortorettifica e mosaicatura
  • Creazione di un modello 3D

Tecniche di analisi
  • Integrazione dei dati telerilevati da sistemi APR in software GIS
  • Modellare e analizzare i dati telerilevati da sistemi APR con la Map Algebra
  • Visualizzare e analizzare i dati telerilevati da sistemi APR in un contesto 3D

Esempi applicativi: l’agricoltura di precisione
  • Un caso applicativo: l’agricoltura di precisione
  • Monitoraggio della coltura e acquisizione dati
  • Tecniche di classificazione automatica in ambiente GIS
  • Calcolo di indici di vegetazione (es. NDVI) per il monitoraggio territoriale e l’analisi dei fenomeni
  • Individuazione delle aree omogenee
  • Costruzione di una mappa NDVI vettoriale

Certificazioni

Il corso non prevede percorsi di certificazione specifici.